Il limone

Carissimi lettori la primavera è ufficialmente arrivata e lo stato d’animo di tutti noi protende verso la luce, il caldo, i colori. A Firenze sono tornate le primule e i tulipani e subito si è scatenata in me la necessità di accostare cibi e ricette al mondo cromatico che mi circonda, sarà deformazione professionale?!

Chi lo sa, seguendo una vena creativa vorrei comunque proporvi due ricette fantasiose sia per gli amanti del salato che per quelli del dolce; le ricette in questione sono: marmellata di limone e violette e uno speciale purè al limone. Esatto! Il protagonista assoluto è proprio lui, il re degli agrumi, simbolo di gioia e di vita che ritorna: il limone.

Quindi diciamone qualcosa in più! Pare che il frutto del limone sia originario dell’India quello che è certo è che fiorisce e matura tutto l’anno, meno in inverno, ma costantemente sempre e che può giungere a maturazione anche dopo essere stato colto. Fate molta attenzione alla provenienza perché spesso i limoni vengono raccolti e trattati con un procedimento fungicida, incerati e poi spediti verso i mercati esteri dove poi saranno fatti maturare. Al contrario nel suo stato biologico naturale il ridente limone è ricco di vitamina Cglucosio e fruttosio, sali minerali, calcio, fosforo, ferro, manganese, rame, vitamine del gruppo B e vitamina A.

Principalmente il limone ha delle proprietà depurative e disintossicanti, regolarizza l’intestino, e irrobustisce le difese immunitarie infatti è consigliato contro la nausea e diarrea. La sostanza limonene che contiene viene impiegata per combattere i calcoli nella cistifellea, sembra anche prevenga dal tumore al pancreas, allo stomaco e all’ intestino, ma soprattutto il limone è un rimineralizzante e disinfettante e dunque anche termicida naturale!

Il mio consiglio è quindi di berne qualche goccia con l’acqua ogni mattina e di tenerne sempre una bella pianta giardino perché profuma intensamente e perché, parafrasando il poeta Montale, disfa il gelo del cuore con la sua solarità.

LIMONE

Vi lascio con la prima ricetta: la marmellata al limone e violette:

-1 mazzetto di viole

-1 chilogrammo di limoni

-500 grammi di zucchero

Lavate i limoni e toglietene tutta la scorza compresa la parte bianca. Tagliate a tocchettini la polpa e scartate i semi e la pellicina, attenzione a non dissipare il succo! Depositate succo e la polpa in una pentola con zucchero per circa 10 minuti poi aggiungete il mazzo di viole. Servite la marmellata di limone su bocconi di pane rustico a colazione o a merenda, buonissima anche su formaggi stagionati!

Se invece volete personalizzare il vostro purè classico da accompagnare con carni e pesci lessi vi dirò che in ultima fase, a fuoco spento aggiungere scorsa grattugiata di limone, succo di limone e rosmarino potrebbe decisamente modificarne il gusto rendendolo più sofisticato e appetitoso! Una cosa facile facile per chi ha poco tempo di pensare, ma comunque voglia di ricevere i complimenti dai suoi invitati a cena!

A presto con nuove ricette che profumano di … lavanda!

Dr. ssa  Chiara Pagliai

 

 

Comments are closed.