La noce moscata

 

La noce moscata

 


 

La Myristica fragrans è u n albero originario dell’Indonesia che cresce nelle regioni a clima tropicale.

I frutti della Myristica fragrans vengono commercializzati come spezie : il seme è la noce moscata, mentre il

rivestimento carnoso che lo ricopre è il macis, una spezia molto costosa ma poco usata in Italia dal

profumo simile alla noce moscata anche se più delicata ed evocante il gusto di cannella.

Già conosciuta dai mercanti Arabi medievali, questa spezia si affermò in Europa solo all’inizio del XVI secolo.

L’uso, sia in cucina che in profumeria, divenne così diffuso negli ambienti aristocratici, che commerciarla

rappresentò per oltre duecento anni occasione di ostilità e intrighi tra gli Stati europei.

In alcuni libri si sosteneva che la spezia fosse un meraviglioso eccitante che cosparso sul collo o in tasca

sprigionasse il meglio del suo aroma e delle sue virtù.

La noce moscata ebbe a lungo anche reputazione terapeutica come antisettico e all’inizio del ‘700

rappresentava il rimedio di oltre cento malattie.

Nell’Ottocento, quando gli alimenti di sapore forte ed intenso erano considerati stimolanti erotici, la noce

moscata fu indicata come uno degli ingredienti della” pillola dell’amore”.

Nel Novecento fu soprannominata lo stupefacente dei poveri poiché l’ingestione massiccia provocava

allucinazioni e convulsioni.

Ancora oggi questa spezia è molto usata in cucina, grazie al suo sapore raffinato, dolce ed esotico con una

nota appena piccante (per la presenza di miristicina, safrolo, pirene e canfrene) viene utilizzata come

ingrediente di dolci, creme e budini, ma anche in pietanze salate come purè di patate e verdure lesse.

Una spolverata di noce moscata è perfetta per aromatizzare cocktail e bevande alcoliche come vino caldo,

punch ed egg nog (bevanda inglese con latte liquore e uova).

In Medio Oriente viene utilizzata per arricchire il sapore di carne, uova e formaggi.

In Italia la noce moscata viene aggiunta al ripieno di tortellini e ravioli a base di carne, ai formaggi e agli

spinaci.

Proprietà e benefici:

La noce moscata stimola la digestione, è carminativa, antisettica e antiossidante, attenua alcuni disturbi

come il vomito, la nausea e la diarrea.

L’olio estratto dalla noce moscata è efficace, per uso esterno, contro dolori nevralgici e reumatici.

Se impiegata in quantità impropria (dosi che superano i 5 mg) provoca alterazioni di coscienza e

allucinazioni oltre che dipendenza.

 

Dott.ssa Chiara Pagliai

 

Comments are closed.